30 anni di storia

Dal 1980 al 2010 trent’anni vissuti ecologicamente.

Lo stop al nucleare, l’abbattimento degli ecomostri, la lotta allo smog e alle fabbriche killer, l’affermarsi della green economy e delle energie alternative, la difesa dell’agricoltura tradizionale, la mobilità sostenibile, il rapporto tra la scuola e il territorio.

1980

5 marzo

Viene presentata la World conservation strategy, promossa dall’Unione internazionale per la conservazione della natura (Iucn).

28-29 marzo

All’università di Roma si svolgel’assemblea costitutiva della Lega per l’Ambiente. È un progetto ambizioso: “Si coglie la volontà – scrive La Nuova Ecologia – di non essere solo un movimento per la natura ma un’associazione per l’ambiente, per l’insieme delle relazioni tra la società umana, l’ambiente naturale e il risultato storico di tali relazioni”. Ne faranno parte: Tiezzi, B. Rossi Doria, Poggio, Scalia, Mattioli, Realacci, Amendola, Cannata, Bettini, Conti, Francescato, Giovenale, Langer e Nebbia.

23 novembre

Un violento terremoto colpisce l’Irpinia: seimila morti, diecimila feriti e 300mila senzatetto. L’organizzazione della Protezione civile si mostra fragile e poco efficace: subirà una profonda ristrutturazione con la legge 225 del 1992 grazie alla quale si costruirà il sistema nazionale così come lo conosciamo ora.

 1981

gennaio

Sul primo numero della rivista Qualenergia Legambiente presenta “I conti sbagliati del Piano energetico nazionale”, con cui si smascherano le stime gonfiate per giustificare la scelta nucleare. I consumi energetici reali, a dieci anni di distanza, daranno ragione al dossier dell’associazione.

marzo

Esce il numero zero di “Lega per l’Ambiente Notizie”: il bollettino dell’associazione. Prosegue ancora oggi le sue pubblicazioni sottoforma di newsletter.

1982

aprile

A Mestre nasce la primaUniversità Verde, esperienza di alfabetizzazione sulle tematiche ambientali che accompagnerà la crescita del movimento ambientalista italiano. Si diffonderanno rapidamente in tutt’Italia, con un picco nella seconda metà degli anni ‘80. Le indagini sul fenomeno evidenziano che due su tre sono state animate da circoli di Legambiente.

8 giugno

L’Italia recepisce (Dpr 470/82) la direttiva europea sulla qualità delle acque di balneazione.

24 giugno

Bruxelles approva la direttiva sui rischi di incidenti connessi con determinate attività industriali, prenderà il nome di Direttiva Seveso. L’Italia la ratificherà solo nel maggio 1988 con il Dpr 175.

10 settembre

Approvata la prima normativa per gestire lo smaltimento dei rifiuti con il Dpr 915/82. Fino ad allora venivano abbandonati senza nessun obbligo per gli smaltitori. La normativa classifica i rifiuti in urbani, speciali, tossici e nocivi. È una vittoria e uno strumento per una corretta gestione dei rifiuti e per promuovere riclico e riutilizzo.

1983

Sull’onda dei successi dei Verdi europei si apre il dibattito sull’ambientalismo in politica. Nella foto: Antonio Ferro, allora segretario di Legambiente Lombardia, a Milano durante uno dei primi incontri sull’argomento, il 26 e 27 febbraio.

25-27 marzo

A Urbino si celebra quello che viene considerato il I congresso nazionale della Lega per l’Ambiente, Pensare globalmente agire localmente. Apre i lavori lo scienziato Barry Commoner. Chicco Testa sarà eletto presidente, Ermete Realacci segretario generale. Nella foto, fra gli altri, Cannata, Realacci, Pinchera e Nebbia.

26 giugno

Massimo Serafini viene eletto deputato nelle file del Pci. A partire dagli anni Novanta sarà l’artefice dei piani di Legambiente su ambiente e lavoro.

22 ottobre

Manifestazione pacifista a Roma contro l’installazione dei missili Usa a Comiso, accettati dal governo italiano su richiesta del presidente Reagan. Si consolida l’alleanza fra il movimento antinucleare civile e militare. Nella foto, militanti di Legambiente alla catena umana che congiunse il 4 dicembre Catania a Sigonella.

1984

gennaio

Il Worldwatch institute pubblica la prima edizione del rapporto State of the world. Nello stesso anno uscirà anche un’altra importante pubblicazione: Tempi storici, tempi biologici di Enzo Tiezzi, fra i fondatori di Legambiente e uno dei punti di riferimento del pensiero ambientalista. Sarà deputato nel 1987.

novembre

Parte dal Consiglio nazionale di Legambiente, primi fimatari Alex Langer e Massimo Scalia, l’appello per costituire le liste verdi alle elezioni amministrative del 1985. Legambiente seguirà da vicino il percorso dei Verdi nelle istituzioni.

2 dicembre

A Bhopal, in India, lo scoppio di una fabbrica di pesticidi americana, la Union Carbide, produce una nube tossica che provoca la morte di migliaia di persone. Quell’evento tragico farà aumentare la sensibilità verso i danni provocati dall’inquinamento e dai rischi industriali.

1985

2-3 febbraio

A Milano la convenzione nazionale “Occhi verdi sulle città”, assise di analisi e proposte su verde urbano, inquinamento, edilizia e difesa dei centri storici. Sarà un riferimento per i 101 ecologisti eletti nelle elezioni amministrative del maggio successivo. Nel manifesto, la volpe disegnata da Andrea Pazienza, fra gli illustratori “storici” di Legambiente.

28 febbraio

Anni di deregulation urbanistica sfociano con il governo Craxi-Nicolazzi nel primo condono edilizio (legge 47/85) per gli abusi realizzati fino al 17/10/1983. Secondo il Cresme, l’effetto annuncio avrebbe prodotto 230.000 alloggi abusivi nel solo biennio 1983/84. La Nuova Ecologia (a fianco) intanto pone, con grande anticipo, il problema dell’effetto serra.

20 aprile

A Roma Legambiente organizza la storica manifestazione antinucleare “In nome del popolo inquinato”. Dalle regioni del Sud arrivano delegazioni numerose con tanti sindaci per dire “no” alle cattedrali energetiche nel deserto.

maggio

In otto regioni italiane vengono presentate liste dei Verdi italiani con il simbolo del Sole che ride. Nel 1986 si costituirà la Federazione italiana delle liste verdi.

10 luglio

La “Rainbow warrior” di Greenpeace, ormeggiata a Auckland (Nuova Zelanda) viene affondata in attesa di partire verso Mururoa per contrastare i test nucleari francesi. Muore l’attivista e fotografo Fernando Pereira. Legambiente protesta davanti all’ambasciata francese di piazza Farnese, a Roma.

8 agosto

– Vede luce la legge Galasso, 431/85, che si fa carico di tutelare il paesaggio. Purtroppo in molte parti d’Italia sarà aggirata dalle Regioni e dai Comuni.

dicembre

Continua la battaglia contro le piogge acide, responsabili del deperimento delle foreste mondiali, con una campagna che sostiene la legge per l’eliminazione del piombo nella benzina. Nel luglio del 1986 si organizzerà un convegno che, grazie al contributo di esperti internazionali, farà il punto sulla situazione italiana.

1986

gennaio

A Castelnuovo Berardenga (Si) oltre 400 sindaci partecipano alla convention “Deplastifichiamoci” e rispondono all’invito di deliberare contro l’uso dei sacchetti di plastica. La campagna farà approvare una legge, disattesa, che introdurrà nel 1988 una tassa di 100 lire per ogni busta di plastica non degradabile.

13 aprile

– Il congresso del Pci capovolge l’esito dei congressi di base e approva una mozione a favore dell’atomo. Qualche mese prima invece il congresso della Cgil si era espresso contro, come in precedenza aveva fatto la Fiom. A fine agosto il Psi si schiera con i promotori del referendum antinucleare.

26 aprile

L’esplosione dell’impianto di Cernobyl, in Ucraina, provoca la più grave catastrofe conosciuta nella storia del nucleare civile. Quindici giorni dopo, il 10 maggio, Legambiente promuove a Roma la manifestazione “Stop al nucleare”, a cui partecipano 200mila persone. Inizia la campagna per il referendum contro il nucleare.

luglio

– Dopo aver denunciato le inadempienze delle Regioni sulla balneazione, parte la campagna “Goletta Verde”, un viaggio lungo le coste italiane per monitorare la qualità delle acque. In quell’anno meno della metà del litorale italiano è sottoposto a controlli, oggi il controllo è pressoché totale.

11-13 luglio

A Perugia, il II congresso nazionale della Lega per l’Ambiente La sfida verde. Vengono riconfermati Chicco Testa, presidente nazionale, ed Ermete Realacci, segretario generale. La Lega per l’Ambiente diventa autonoma dall’Arci. Si decide di organizzare una giornata di blocco dei cantieri delle centrali nucleari in costruzione.

8 agosto

La legge 349/86 istituisce il ministero dell’Ambiente e interviene su varie materie, fra cui: ratifica della direttiva comunitaria sulla Valutazione d’impatto ambientale, norme di riconoscimento delle associazioni ambientaliste con la possibilità di costituirsi parte civile per danno ambientale, la più ampia divulgazione sullo stato dell’ambiente.

10 ottobre

Migliaia di giovani rispondono all’appello di Legambiente per il blocco dei cantieri delle centrali nucleari e manifestano davanti ai cancelli del Centro ricerche Enea del Brasimone, delle centrali di Montalto di Castro, Trino Vercellese e Latina, dove si presenta anche l’associazione Fare Verde promossa dal Msi.

12 novembre

Approvato il decreto istitutivo delle prime due Riserve marine: l’isola di Ustica e Miramare nel golfo di Trieste. Premia l’impegno degli ambientalisti e della comunità scientifica. Ad oggi le aree marine protette sono 30 per circa 300.000 ettari di estensione.

dicembre

L’associazionismo ambientale continua a diffondersi: l’organizzazione internazionale Greenpeace apre un ufficio in Italia.

1987

27 febbraio

Legambiente viene ufficialmente riconosciuta dal ministero dell’Ambiente come “associazione d’interesse ambientale”. Diventa membro dell’Iucn (International union for conservation of nature) e del Bee (Bureau européen de l’environnement).

20-21 marzo

A Padova, con il convegno Occhi verdi sulla scuola, Legambiente s’interroga sui metodi dell’educazione ambientale. Troverà una concretizzazione con la proposta Adottiamo la città, che coinvolgerà circa 35mila studenti. Nasce il settore Scuola e Formazione di Legambiente.

26 aprile

Per dire “Cernobyl e Hiroshima mai più” Legambiente partecipa alla catena umana antinucleare lunga oltre 25 km da Caorso a San Damiano: 50mila giovani si stringono in una stretta di mano dalla base militare per i cacciabombardieri capaci di trasportare l’atomica fino alla centrale nucleare di Caorso.

14 giugno

I Verdi conquistano 13 seggi alla Camera e 2 al Senato: fra gli eletti Gianni Mattioli e Massimo Scalia (nella foto). Eletti anche Laura Conti e Chicco Testa (Pci), Enzo Tiezzi e Giorgio Nebbia (Sinistra ind.), Edo Ronchi e Gianni Tamino (Dp). Legambiente lancia l’Osservatorio parlamentare sulla legislazione ambientale (Opla)

1 luglio

Entra in vigore l’Atto unico europeo in cui si definiscono i principi della politica comunitaria in materia ambientale, fra cui il “chi inquina paga” e il principio di precauzione.

4-5 luglio

In seguito alle dimissioni di Chicco Testa, diventato deputato, il direttivo di Legambiente elegge Ermete Realacci presidente e Renata Ingrao  segretario generale.

18-28 luglio

Un’alluvione mette in ginocchio la Valtellina. Si conteranno 53 morti, l’emergenza durerà due mesi.

28 luglio

– Giorgio Ruffolo diventa ministro dell’Ambiente.

16 settembre

– Si firma il Protocollo internazionale di Montreal per difendere la fascia dell’ozono stratosferico, che ci difende sempre meno dai raggi solari ultravioletti. In Italia sarà ratificato nel 1988 e fino al 2001 si susseguiranno leggi di regolamentazione dello smaltimento dei clorofluorocarburi (Cfc).

ottobre

– Esce In nome del popolo inquinato di Gianfranco Amendola, a lungo membro del direttivo di Legambiente e fra gli animatori dei Centri di azione giuridica. Nel 1989 verrà eletto nel Parlamento europeo con i Verdi.

8 novembre

L’Italia va alle urne per il referendum sul nucleare: vota oltre il 65% degli aventi diritto e l’80% si esprime contro l’atomo. Verranno chiuse le centrali di Trino (Vc), Caorso (Pc), Borgo Sabotino (Lt) e Garigliano (Ce).

Esce intanto il Rapporto Brundtland che introduce il concetto di “sviluppo sostenibile”.

1988

gennaio

Parte il “Treno Verde” per misurare l’inquinamento nelle città italiane. I vagoni sono allestiti con mostre e ospitano conferenze, mentre le unità mobili rilevano per le strade l’inquinamento. È la più grande campagna italiana di informazione scientifica e sensibilizzazione sull’aria che si respira in città, sulla mobilità e i danni provocati dal rumore.

marzo

Nasce l’associazione Ambiente Lavoro, che grazie alla rivista Dossier Ambiente diffonderà l’approccio scientifico con cui guardare alla protezione dell’ambiente e della salute negli ambienti di lavoro.

giugno

Entrano in vigore, con l’approvazione del Dpr 203/1988, le norme per regolamentare le emissioni inquinanti in atmosfera provocate dall’esercizio di attività industriali e artigianali e il loro rilevamento.

A sinistra una copertina di Nuova Ecologia realizzata da Pablo Echaurren.

agosto

Viene alla luce un traffico illegale di rifiuti tossici tra l’Italia e l’Africa. Le navi “Karen B” e “Deep sea carrier” solcano i mari alla ricerca di un porto che le ospiti per lo smaltimento del loro carico. Ma in ogni città in cui si paventa l’attracco ci saranno manifestazioni di protesta. Sarà infine la città di Livorno a farsi carico dello smaltimento.

22 dicembre

– Chico Mendes viene assassinato da sicari assoldati dagli allevatori che abbattono le foreste dell’Amazzonia. Leader sindacalista, ambientalista, raccoglitore di caucciù nell’Amazzonia brasiliana, è grazie a lui che il mondo s’interessa al dramma della deforestazione. Molti circoli di Legambiente per rendergli onore prendono il suo nome.

1989

gennaio

Nasce la campagna “Azionisti ecologisti”. Legambiente acquista azioni dei principali gruppi industriali per avere diritto di parola nelle loro assemblee.

Esce il primo “Ambiente Italia”, il rapporto che Legambiente continua a pubblicare in collaborazione con l’omonimo istituto di ricerche.

aprile

Il movimento ambientalista italiano promuove un referendum contro la caccia e l’uso dei pesticidi. Legambiente si mobilita in tutt’Italia per la raccolta delle firme. A fianco, un presidio davanti alla Fao, con la bandiera dell’associazione Cesare Donnhauser, allora responsabile del settore Agricoltura.

14 maggio

Alla facoltà di Architettura di Valle Giulia, a Roma, con il convegno “Ecopolis” Legambiente approfondisce le politiche per le città. Fra i protagonisti, Giuliano Cannata e Fabrizio Giovenale. 18 maggio

Con la legge 183/89 s’introducono in Italia le norme per la difesa del suolo e la gestione integrata delle risorse idriche.

agosto

A Rispescia, vicino Grosseto, si tiene la I edizione di “Festambiente”: la manifestazione estiva di Legambiente.

28 agosto

Approvato con la legge 305 il primo Piano triennale dell’ambiente: strumento con cui si pianifica l’investimento in tutti i settori ambientali, dai rifiuti alle aree protette.

3 novembre

A Siena si tiene il terzo congresso nazionale della Lega per l’Ambiente, Il punto di svoltaDai nuovi limiti all’ecosviluppo. Al tavolo, da sinistra: Laura Conti, Fulvia Fazio, Gianni Mattioli, Gianni Squitieri, Renata Ingrao, Massimo Scalia, Giovanna Melandri, Chicco Testa, Fabrizio Giovenale, Gianfranco Amendola e al microfono Ermete Realacci. Al congresso vengono confermati: Ermete Realacci presidente e Renata Ingrao segretario generale, Rita Tiberi è amministratrice. Al dibattito sul futuro della chimica in Italia la presenza del presidente Enimont, Raul Gardini, fa scandalo: Rossana Rossanda ne condanna la partecipazione sulmanifesto, definendo l’imprenditore un rappresentante del “capitalismo inquinatore”.

9 novembre

Cade il muro di Berlino, comincia il rapido declino dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia. Il mondo si libera della contrapposizione fra i blocchi.

1990

22 aprile

– Nella ricorrenza della Giornata della Terra Legambiente, con lo slogan Fermiamo la febbre del pianeta, lancia la prima petizione popolare contro l’effetto serra per richiedere al governo e alle istituzioni internazionali un impegno concreto per diminuire le emissioni di CO2.

maggio

Legambiente promuove l’istituto di ricerche Ambiente Italia per alimentare e affermare le esperienze di analisi e di pianificazione ambientale. Partecipano, fra gli altri, Duccio Bianchi, Maria Berrini, Mario Zambrini, Marina Alberti, Mercedes Bresso, Gianni Silvestrini e Federico Butera.

27 maggio

– Legambiente chiede ai cittadini di rimboccarsi le maniche, prendere le ramazze e pulire le belle ma sporche spiagge italiane: è la I edizione di “Spiagge Pulite”, la campagna inaugura una lunga serie d’iniziative che sollecitano l’impegno volontario degli italiani per il proprio territorio.

5 giugno

Italiani alle urne per il referendum sull’uso dei pesticidi in agricoltura e per l’abolizione della caccia. Il 90% si esprime a favore dei quesiti, ma i votanti sono soltanto il 42% degli aventi diritto e il quorum non viene raggiunto.

7 agosto

Con la legge 241/90 si afferma il principio di trasparenza dell’azione amministrativa. Sarà utile per numerose battaglie in difesa del territorio perché consentirà l’accesso agli atti amministrativi e quindi alle informazioni. Il diritto alla comunicazione migliorerà ulteriormente con il Dlsg 195/2005 che attuerà una direttiva comunitaria.

settembre

Si inaugura il primo Centro di educazione ambientale (Cea) di Legambiente a San Pietro di Isola del Gran Sasso (Abruzzo), allestito grazie a una sottoscrizione popolare. Oggi sono 54 i Cea di Legambiente e operano in tutt’Italia.

ottobre

– L’Ipcc, istituito due anni prima dall’Unep e dal World meteorological organization, pubblica il suo primo rapporto sui cambiamenti climatici.

Esce il volume La società dei rifiuti di Giorgio Nebbia, fra i fondatori dell’associazione e figura di riferimento per l’ambientalismo italiano.

dicembre

Dopo due anni di lotte che hanno visto insieme operai e ambientalisti si conclude la vertenza con la Fiat di Arese: si passa dalla verniciatura a olio a quella ad acqua, presto adottata in quasi tutti gli stabilimenti Fiat nel mondo. Una storia ecologica, come titola il libro di Loredana Lucarini, che vede Carlo Monguzzi e Legambiente Lombardia in prima fila.

1991

gennaio

Vengono promulgate le leggi 9 e 10 sulla promozione delle fonti rinnovabili e sul risparmio energetico. Con i 2.600 miliardi di lire messi a disposizione nel triennio 1991-93, il piano energetico concepito da Legambiente dieci anni prima sembra realizzarsi: l’Italia è in pole position per quella che sarà la sfida del XXI secolo.

17 gennaio

Guidata dagli Usa inizia la prima guerra del Golfo. Legambiente parteciperà alle imponenti manifestazioni pacifiste per porre fine al conflitto con lo slogan Fuori la guerra dalla storia. Nella foto, un gruppo dell’associazione depone una corona di fiori davanti alla tomba del Milite ignoto, in primo piano la segretaria generale Renata Ingrao.

febbraio

– La Comunità europea emana la prima direttiva per regolamentare le emissioni di inquinanti dei veicoli.

– Legambiente prende in gestione la prima Riserva naturale, quella di Zompo Lo Schioppo, in Abruzzo. Oggi la Retenatura di Legambiente vanta oltre 50 aree per circa 10.000 ettari di particolare valore per la conservazione.

14 aprile

– La petroliera Haven si incendia e affonda nel golfo di Genova con un carico di 143.000 tonnellate di greggio. Legambiente si fa parte attiva nel procedimento legale contro l’armatore. Nel ‘94, sull’onda delle pressioni ambientaliste, partirà il sistema di pronto intervento contro i rischi di incidente rilevante.

giugno

– Legambiente fa tappezzare i muri della Sicilia con manifesti raffiguranti il governatore Rino Nicolosi, con un copricapo da barbaro. L’obiettivo è bloccare l’abusivismo nella Valle dei Templi. Da lì a poco l’istituzione del Parco archeologico.

Parte la campagna di monitoraggio e denuncia “Pesticidi nel piatto”. Si analizzano le analisi delle Usl su oltre 10.000 campioni di frutta e verdura freschi e si pubblica il primo dossier con le informazioni raccolte. Nella foto, un blitz di Legambiente con un cumulo di letame scaricato davanti alla sede romana di Federconsorzi.

21 giugno

– Torna la guerra in Europa, nei Balcani, sull’altra sponda dell’Adriatico. Scoppiano i conflitti prima in Croazia poi in Bosnia-Erzegovina: si dissolve la Jugoslavia. Due anni dopo Goletta Verde si recherà in missione di pace a Dubrovnik.

6 dicembre

– Approvata la legge quadro sulle aree protette (394/91) che si propone di “garantire e promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del paese”. È una risposta alle tante battaglie di difesa della natura e della biodiversità.
La Nuova Ecologia intanto denuncia la gestione illegale del ciclo dei rifiuti.

1992

7 febbraio

– A Maastricht viene firmato il trattato dell’Unione Europea: una pietra miliare nella costruzione dell’Europa.

7 febbraio

Con la legge 150/1997 si disciplinano in Italia i reati sul commercio delle specie animali e vegetali in via d’estinzione, previsti dalla Convenzione internazionale di Washington (Cites).

11 febbraio

– Legge sulla caccia, 157/92. Art.1: “La fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell’interesse della comunità nazionale e internazionale. L’esercizio dell’attività venatoria è consentito purché non contrasti con l’esigenza di conservazione della fauna selvatica e non arrechi danno effettivo alle produzioni agricole”.

27 marzo

– La legge 257 mette al bando l’amianto, dalla produzione al commercio. Si prevede anche la bonifica delle numerose aree inquinate.

21 maggio

Arriva la direttiva europea Habitat (92/43) relativa alla conservazione degli ecosistemi. Insieme alla direttiva Uccelli, recepita in Italia lo stesso anno, costituirà i riferimenti per la conservazione della biodiversità in Europa.

23 maggio

Giovanni Falcone e la moglie, Francesca Morvillo, vengono assassinati dalla mafia insieme a tre uomini della scorta nella strage di Capaci. Pochi mesi dopo, il 19 luglio, anche Paolo Borsellino viene ucciso a Palermo, in via d’Amelio, insieme ai cinque uomini della scorta.

3-14 giugno

A Rio de Janeiro si tiene la conferenza Onu su Ambiente e sviluppo (Earth summit). Vengono approvate la convenzione sul clima, che porterà al protocollo di Kyoto, e la convenzione sulla biodiversità. È la prima grande conferenza sull’ambiente alla quale partecipano i capi di Stato. Al vertice arriveranno ong da tutto il mondo, fra cui una folta delegazione di Legambiente. Nella foto, la mongolfiera dell’associazione si alza sul Circo Massimo, a Roma, con lo striscione dedicato al summit che recita “A Rio fatti, non parole”.

30 giugno

– È approvato il regolamento Cee 2078/92 per la promozione dell’agricoltura biologica. Prevede, tra l’altro, incentivi agli agricoltori che convertono le loro produzioni. Un’indagine promossa da Legambiente censisce nel 1988 circa 30.000 ettari coltivati biologicamente, oggi sono oltre un milione.

6 novembre

A Parma si apre il IV congresso nazionale della Lega per l’Ambiente, Ecosviluppo: la responsabilità e la forza dei cittadini. Tra gli ospiti, Antonino Caponnetto, l’ex capo del pool antimafia di Palermo di cui avevano fatto parte Borsellino e Falcone. È il congresso che cambierà il nome dell’associazione in Legambiente. I lavori si aprono con un blitz davanti alla sede del Magistrato del Po (nella foto) contro la cementificazione del corso d’acqua. Ai delegati giunge il saluto di Al Gore, da appena tre giorni eletto vicepresidente degli Stati Uniti.

dicembre

– Un mondo tutto attaccato. Guida all’educazione ambientale, a cura di Vittorio Cogliati Dezza, edito da Franco Angeli, è il libro con cui Legambiente contribuisce a far entrare le questioni ambientali nel dibattito culturale e pedagogico italiano.

1993

gennaio

– Nasce “Legambiente Ragazzi”, il giornale delle Classi per l’ambiente e dei soci giovani. Nel 2000 la testata diventerà il giornale di tutti i soci junior e si chiamerà Jey.

1 febbraio

– L’Ue adotta il quinto programma d’azione “Per uno sviluppo durevole e sostenibile”, che cerca di rendere operative la strategia del vertice di Rio.

5 febbraio

Legambiente presenta il contropiano per l’occupazione: con un investimento di circa 12.000 miliardi di lire si calcolano 200.000 nuovi posti di lavoro.

25 marzo

Approvata la legge 81/1993 sull’elezione diretta del sindaco e del presidente di Provincia. È un’importante riforma elettorale che produrrà una svolta nel protagonismo politico e nel governo dei territori. Fra i primi eletti Francesco Rutelli (nella foto), sindaco di Roma, allora membro del direttivo nazionale di Legambiente.

aprile

Parte in canoa la prima edizione di “Operazioni Fiumi”,per testare la qualità dei corsi d’acqua e denunciare la cementificazione di argini e aree di pertinenza. Il coordinamento scientifico viene affidato a Giulio Conte (oggi ricercatore dell’istituto Ambiente Italia), quello organizzativo a Pino Di Maula (oggi apprezzato giornalista ambientale). Arriva anche sul Sarno, il fiume più inquinato d’Europa a causa degli scarichi delle concerie e delle imprese di trasformazione del pomodoro di Scafati. Legambiente presenta un piano di risanamento alternativo a quello della Cassa per il Mezzogiorno. Sarà accolto dal ministro Ronchi che stanzierà 800 miliardi di lire per il risanamento.

18 aprile

– Un referendum toglie le competenze sui controlli ambientali alle Usl. La legge 61 del 21/01/94 istituirà l’Agenzia nazionale per la protezione dell’ambiente (Anpa) e affiderà il controllo ambientale alle Regioni tramite le Agenzie regionali (Arpa). Ci vorranno anni prima che tutte le Regioni istituiscano le rispettive agenzie.

agosto

– Parte il Progetto Cernobyl, che permette di ospitare temporaneamente i bambini contaminati dall’incidente nucleare. Saranno oltre 24.000 i minori interessati. Da questa esperienza nascerà Legambiente Solidarietà, che realizza interventi di aiuto a popolazioni vittime di disastri ambientali.

ottobre

– Legambiente presenta il I rapporto“Ecosistema Urbano”, che monitora e mette a confronto, grazie alla consulenza scientifica dell’istituto Ambiente Italia, le politiche ambientali e dei trasporti dei capoluoghi italiani.

A Roma, da piazza del Popolo, parte un corteo di botticelle per consegnare al presidente della Camera, Giorgio Napolitano, il milione di firme raccolte da Legambiente e dalla Coop per sollecitare l’approvazione di una legge per fermare l’abuso di pesticidi.

2 ottobre

– Renata Ingrao dà le dimissioni da direttore generale di Legambiente, viene eletto Mario Di Carlo.

novembre

A Sasso Marconi (Bo)la Iassemblea dei circoli di Legambiente. Attualmente si svolge ogni anno nella sede di Festambiente a Rispescia (Gr).

6 novembre

A Roma “Ecopolis ‘93. La sfida degli ambientalisti ai nuovi sindaci”. In platea sindaci e presidenti di Provincia eletti dai cittadini.

28 dicembre

– Il Cipe approva il “Piano di attuazione dell’Agenda 21”. Negli anni successivi si diffonderanno i progetti di Agenda 21 locale, che permetteranno di sperimentare in diverse città un’efficace progettazione partecipata in campo ambientale.

1994

5 gennaio

– È approvata la legge 36, detta Galli, in materia di risorse idriche. Introduce il concetto di ciclo idrico integrato e dà avvio a un processo di modernizzazione e riorganizzazione del settore idraulico. Introduce lo strumento degli Ambiti territoriali ottimali (Ato) per superare la gestione frammentata dell’acqua.

2 marzo

Nuccio Barillà ed Enrico Fontana consegnano al sostituto procuratore Francesco Neri un esposto sul traffico di rifiuti tossici da parte della ‘ndrangheta. Parte la prima inchiesta sulle “navi dei veleni”.

- Sulla Nuova Ecologia i timori per l’eventuale successo di Berlusconi. Andrà al governo due mesi dopo.

10 marzo

Viene presentato a Milano il progetto “Elbambiente” per promuovere il turismo responsabile, grazie alla collaborazione con l’Associazione albergatori dell’isola: un’alleanza inedita, siglata dopo l’aspro confronto in occasione del passaggio all’Elba di Goletta Verde, che l’anno precedente aveva denunciato le cattive condizioni del mare.

27 marzo

Giovanna Melandri (nella foto), responsabile del settore Internazionale di Legambiente, viene eletta deputato nelle file del Pds. Nel 1999 sarà ministro per i Beni e le attività culturali e nel 2006 alle Politiche giovanili e sportive.

26 aprile

– La giunta capitolina, sindaco Rutelli, vara la prima fase di pedonalizzazione dell’area attorno al Colosseo a conclusione di una lunga battaglia degli ambientalisti.

10 maggio

– Si insedia il primo governo Berlusconi.

settembre

– Legambiente porta in Italia “Clean up the word-Puliamo il mondo”: la più grande campagna internazionale di volontariato ambientale.

Nasce “Lavori in corso”, il progetto educativo con cui Legambiente chiede alle scuole di scegliere, progettare e realizzare interventi di riqualificazione nel territorio.

ottobre

Esce il primo dossier“Comuni ricicloni” per premiare le amministrazioni locali più virtuose nella raccolta differenziata dei rifiuti.

Nasce l’Osservatorio ambiente e legalità

per monitorare e denunciare, i traffici illeciti dei rifiuti, la gestione criminale del ciclo del cemento e il racket degli animali.

23 dicembre

Arriva il secondo condono edilizio. Il governo Berlusconi con la legge 724/94 riapre i termini del precedente condono estendendoli agli abusi realizzati fino al 31/12/93 e consentendo di condonare le lottizzazioni abusive. Secondo il Cresme si realizzano altri 220.000 abusi fra nuove costruzioni e ampliamento di quelle esistenti.

1995

marzo

Don Luigi Ciotti promuove Libera,l’associazione per mobilitare la società civile contro le mafie e per promuovere la legalità. Legambiente è tra i soci fondatori.

giugno

Viene istituita la prima commissione parlamentare d’inchiesta sul Ciclo dei rifiuti. La presiede Massimo Scalia.

– L’edizione di Goletta Verde senza sponsor si realizza grazie alla sottoscrizione di migliaia di cittadini che acquistano la sacca realizzata da Moschino per l’associazione.

3 luglio

– Alex Langer muore tragicamente, è una grande perdita per il movimento ecopacifista italiano ed europeo. Lascia un biglietto con scritto: “Non siate tristi, continuate in ciò che era giusto”.

26 luglio

– Nasce la Federazione Legambientevolontariato per gestire i numerosi gruppi di protezione civile impegnati nella messa in sicurezza del patrimonio culturale, nella lotta agli incendi boschivi, nel soccorso alle popolazioni colpite, nella realizzazione dei campi di volontariato ambientale.

16 settembre

Mario Di Carlo è chiamato nella giunta capitolina con a capo Francesco Rutelli e dà le dimissioni da direttore generale.

26 ottobre

– Viene approvata la legge quadro sull’inquinamento acustico (447/95). È una buona legge, purtroppo ancora oggi piuttosto disattesa.

10 novembre

A Roma si apre il V congresso nazionale di Legambiente, La via ambientalista al futuro. Ermete Realacci viene confermato presidente e Francesco Ferrante viene eletto direttore generale.

dicembre

A L’Aquila, in collaborazione con il ministero dell’Ambiente, si presenta “Appennino parco d’Europa” (Ape): il progetto di sistema che sperimenta azioni di salvaguardia e sviluppo delle aree protette di montagna. Seguirà nel 1998 Coste italiane protette (Cip) e Itaca, la rete delle isole minori del Mediterraneo.

18 dicembre

– Dopo la chiusura della discarica di Cerro Maggiore, Milano precipita nell’emergenza rifiuti. Il sindaco Formentini chiama in giunta Walter Ganapini, del direttivo di Legambiente, che vara un piano basato sulla differenziata. La situazione rientra presto nella normalità.

La Nuova Ecologiaintanto presenta il rapporto Ipcc sul clima.

1996

aprile

– Legambiente, Cgil, Cisl e Uil firmano il protocollo “Produrre lavoro qualificare l’ambiente”. Un programma straordinario per l’occupazione e la qualità abitativa. La proposta avrà una ricaduta nell’introduzione da parte del governo Prodi dell’esenzione del 36% delle spese sostenute per la riqualificazione edile ed energetica degli edifici.

maggio

– Legambiente promuove, in collaborazione con l’Associazione dei Comuni e delle imprese pubbliche e private di gestione dei rifiuti, Ecosportello per valorizzare le buone pratiche di gestione dei rifiuti. L’anno successivo si doterà della rivista Rifiuti Oggi, per dare forza alla riforma sulla gestione dei rifiuti innescata dal decreto Ronchi.

26 aprile

Con un blitz davanti alla centrale, Legambiente ricorda il decennale dell’incidente di Cernobyl. Da sinistra, Francesco Ferrante, Valentina Mazzarelli di Festambiente e Vittorio Agnoletto.

12 maggio

– In occasione del decennale di Cernobyl l’associazione porta in piazza centomila persone a Roma. Nel corteo tanti cartelli “Prodi ti tengo d’occhio” per invitare il governo, appena eletto, a impegnarsi con decisione sui temi ambientali. Sfilano insieme a Legambiente anche i leader sindacali.

17 maggio

– Si insedia il primo governo Prodi, Edo Ronchi diventa ministro dell’Ambiente.

29 settembre

A Monfalcone (Go) si tiene un referendum consultivo che boccia l’insediamento del terminal di rigassificazione della Snam. Legambiente si era schierata a favore dell’impianto spaccando il movimento.

4 novembre

Per il trentennale dell’alluvione di Firenze si organizza il raduno degli “Angeli del fango”, i giovani volontari che si mobilitarono per recuperare il patrimonio artistico della città. L’iniziativa nasce su sollecitazione di Erasmo D’Angelis, storico esponente di Legambiente Toscana, giornalista e poi consigliere regionale.

1997

febbraio

Si dà vita al Forum del terzo settore di cui Legambiente farà parte. L’obiettivo è mettere insieme il mondo del no profit.

5 febbraio

- Approvato il decreto Ronchi (Dlgs 22/97) per la gestione dei rifiuti. Si dettano obiettivi e tempi della raccolta differenziata.

26 settembre

– Terremoto nelle regioni Umbria e Marche. Il patrimonio storico-artistico danneggiato è enorme. Nasce in Legambienteil primo gruppo di Protezione civile.

11 dicembre

A Kyoto si firma il protocollo contro i cambiamenti climatici. Le condizioni perché entri in vigore  prevedono due quorum: 55 nazioni firmatarie per almeno il 55% del totale delle emissioni inquinanti. Verranno raggiunti nel 2004.

La Nuova Ecologiapropone intanto un viaggio nelle città alla scoperta dei candidati sindaci

1998

13 marzo

– Inizia a Mestre il processo a 28 dirigenti del petrolchimico di Marghera ai vertici di Enichem, Edison e Montedison: 150 udienze per far luce su centinaia di morti, casi di cancro e disastri ambientali. L’inchiesta, coordinata dal giudice Casson, fu avviata nel 1994 sulle denunce di un ex operaio e sulla mobilitazione ambientalista.

4 maggio

– Una massa di fango e detriti travolge i paesi di Sarno, Siano, Braciliano, Quindici, nel salernitano. Le cronache parlano di 159 morti.Circa 600 volontari di Legambiente daranno una mano nei soccorsi e a spalare fango.

9 maggio

– Legambiente organizza la manifestazione “Ambiente, lavoro, futuro. Per un’Europa dei cittadini, per un’Italia di qualità”. Sfila anche uno striscione di Legambiente Campania con lo slogan “Dentro l’Europa, fuori dal fango” in riferimento alla tragedia di Sarno.

luglio

– Goletta Verde organizza un blitz per chiedere l’abbattimento del Fuenti, l’hotel a Vietri sul Mare (Sa) simbolo dell’abusivismo edilizio e della cementificazione della costiera amalfitana.

29 settembre

Comincia l’abbattimento di 73 villette abusive costruite dalla camorra sulla litoranea fra Campolongo e Foce Sele a Eboli (Sa). Con questa azione coraggiosa, promossa dal sindaco Gerardo Rosania, parte la breve stagione degli abbattimenti degli ecomostri.

novembre

– Legambiente organizza a Firenze la fiera “Ecolavoro”, dove si mettono in mostra le opportunità del green job.

1999

febbraio

– Nasce il Kyoto Club, un’organizzazione no profitcostituita da imprese, enti, associazioni e amministrazioni locali impegnate nella riduzione delle emissioni di gas serra. A presiederlo viene chiamato Chicco Testa.

- La Nuova Ecologia affronta il tema dell’illegalità diffusa

24 marzo

– Iniziano i bombardamenti della Nato sul Kosovo. Legambiente, oltre a far parte del movimento pacifista, si reca nel sud dell’Albania per aiutare concretamente la popolazione kosovara gestendo il campo allestito nella pineta di Karavastas, che ha ospitato 1.200 profughi in gran parte bambini.

22 aprile

– Le ruspe cominciano ad abbattere l’hotel Fuenti sulla costiera amalfitana. È il coronamento di una lunga battaglia di Legambiente e dei tanti blitz di Goletta Verde. A lato, Michele Buonomo, presidente di Legambiente Campania, srotola uno striscione in acqua.

maggio

– Presentata la prima “Guida Blu” con le migliori località balneari selezionate da Legambiente. Dal 2001 uscirà in collaborazione con il Touring club italiano.

11 maggio

A 23 anni dalla legge Merli, viene approvato il Dlgs 152/1999 che innova la normativa sulla tutela delle acque.

settembre

– La petizione per la sicurezza alimentare “Piatto Pulito” raggiunge in soli tre mesi 50.000 firme. Si comincia a contrastare l’introduzione degli organismi geneticamente modificati in agricoltura.

14 ottobre

– Il ministero per i Beni e le attività culturali, guidato da Giovanna Melandri, organizza la prima Conferenza nazionale del paesaggio.

25 novembre

– I ministri dell’Ambiente di Italia e Francia firmano l’accordo che istituisce il Santuario mediterraneo per i mammiferi marini.

30 novembre

Si apre a Seattle, negli Usa, la conferenza del Wto. Entra sulla scena mondiale il movimento no global. Legambiente è presente con una propria delegazione.

12 dicembre

– Naufraga al largo della Bretagna la petroliera Erika. La marea nera investe 400 km di coste sterminando 150.000 uccelli e mettendo in ginocchio l’economia legata all’allevamento di ostriche. Legambiente lancia una petizione alla commissaria ai Trasporti dell’Ue, Loyola de Palacio, per chiedere norme più severe in materia di trasporto marittimo.

17-19 dicembre

Si tiene a Firenze, nella Fortezza da Basso, il VI congresso nazionale di Legambiente Nonsolomerci, l’ambientalismo oltre il 2000. Vengono confermati Ermete Realacci presidente e Francesco Ferrante direttore generale.

2000

26 febbraio

Prima edizione di “Disimballiamoci”: in 200supermercati Legambiente organizza blitz e invita i cittadini a liberarsi degli imballaggi inutili lasciandoli dopo le casse.

ottobre

A Bruxelles apre l’Ufficio europeo di Legambiente,affidato a Mauro Albrizio.

1 ottobre

Nelle piazze italiane si festeggia la I edizione di “Biodomenica”.

13 ottobre

Un’alluvione si abbatte su Piemonte e Liguria, a 24 ore dalla catastrofe cinque gruppi di Protezione civile di Legambiente saranno nei luoghi dell’emergenza a spalare fango dalle case e dalle strade.

20 ottobre

– A Firenze si firma la convenzione europea sul paesaggio. A lato, la copertina di Nuova Ecologiasull’alterazione della biodiversità a causa dei cambiamenti climatici.

novembre

– Usa, Canada, Giappone, Australia e Nuova Zelanda abbandonano la Cop 6:  considerano l’accordo verso il protocollo di Kyoto economicamente dannoso.

21 novembre

– Legge quadro in materia di incendi boschivi, la 353. Prevede, tra l’altro, il Catasto delle aree percorse dal fuoco (operativo solo nel 2008).

23 novembre

Legambiente organizza nelventennale del terremoto in Irpinia il ritorno dei volontari. Tra le iniziative, un libro sulla ricostruzione e il documentario Terratrema di Gianni Amelio.

– Legambiente presenta Mangimi puliti, la campagna da cui nascerà Legambiente per l’agricoltura italiana di qualità.

2001

20 gennaio
George W. Bush inizia il suo primo mandato da presidente degli Usa, dopo una contestata elezione che l’ha visto prevalere sul democratico e ambientalista Al Gore. La sua presidenza si caratterizza da subito per l’opposizione alla ratifica del protocollo di Kyoto.

25-30 gennaio

– In contemporanea al Forum economico mondiale, a Porto Alegre (Brasile) si svolge ilI Forum sociale mondiale. Arriveranno decine di migliaia di persone da tutto il mondo in rappresentanza dei movimenti che contestano la globalizzazione delle multinazionali. Legambiente partecipa con un’ampia delegazione a tutte le edizioni.

6 febbraio

La Cassazione sentenzia: “Nessuna proprietà privata [… ] può impedire l’accesso al mare alla collettività se la proprietà stessa è l’unica via per raggiungere una determinata spiaggia”. È il risultato di una battaglia di Legambiente contro l’accesso negato dai reali d’Olanda alla spiaggia dello Sbarcatello, sull’Argentario (Gr).

22 febbraio

Le battaglie intraprese in tutta Italia contro l’installazione indiscriminata di antenne che generano inquinamento elettromagnetico portano all’emanazione della legge quadro sulla protezione dai campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici (36/2001).

marzo
Gli Usa annunciano il rigetto del protocollo di Kyoto.

23 marzo

– Si introduce nella legge sui rifiuti l’art. 53 bis che punisce il traffico illecito di rifiuti, con pene aggravate in caso di rifiuti pericolosi.

13 maggio

– Ermete Realacci viene eletto deputato dell’Ulivo. A vincere le elezioni è però la destra. L’11 giugno si insedia il secondo governo Berlusconi, Altero Matteoli diventa ministro dell’Ambiente.

21 luglio
A Genova si svolge il G8. Legambiente partecipa all’imponente corteo del giorno seguente l’uccisione, a piazza Alimonda, di Carlo Giuliani. I giorni del summit vengono funestati da scontri di piazza e da violente azioni di polizia, come l’irruzione nella scuola Diaz e i fatti della caserma di Bolzaneto, su cui ancora si aspetta verità e giustizia.

settembre
– Legambiente e Arci Caccia firmano un protocollo d’intesa per una caccia più responsabile. Nasce l’Osservatorio nazionale sulla gestione faunistica che pubblica il Rapporto nazionale sulla gestione faunistico-venatoria in Italia.

11 settembre
– L’America è sotto attacco. Due aerei dirottati dai terroristi di Al Qaeda si schiantano sulle Twin towers di New York, un terzo si abbatte sul Pentagono, un altro ancora precipita mentre punta sulla Casa Bianca. Gli Usa reagiscono lanciando un’offensiva in Afghanistan alla ricerca dei gruppi terroristici capeggiati da Osama Bin Laden.

7 ottobre
– Con un referendum gli italiani approvano la legge che modifica il titolo V della Costituzione. Per la tutela ambientale le Regioni godranno di autonomia legislativa e amministrativa.

14 ottobre

Alla marcia della pace Perugia-Assisi in 250mila ribadiscono le ragioni del “no” a terrorismo e guerra.

novembre
– A Milano si svolge la I edizione del premio“Innovazione amica dell’ambiente” dedicato agliimprenditori che scommettono sulla sostenibilità.

2002

1 gennaio

Entra in vigore l’euro. La benzina verde sostituisce definitivamente quella rossa.

agosto

Prende il via la “Carovana delle Alpi”, la campagnadi Legambiente sull’ecosistema alpino.

26 agosto

A Johannesburg, Sudafrica, si apre il vertice mondiale Onu sullo Sviluppo sostenibile. Partecipauna folta delegazione di Legambiente.

6 novembre
– Si apre ilSocial forum europeo di Firenze: centinaia di migliaia di giovani discutono, analizzano, costruiscono proposte per un’economia più giusta. Legambiente è tra gli organizzatori. Il 9 sfila un milione di persone contro la guerra. È la più imponente mobilitazione europea dopo i fatti di Genova e l’11 settembre.

19 novembre
– Lapetroliera Prestige affonda al largo della Galizia. Legambiente invia una squadra di volontari per ripulire 300 km di costa dalla marea negra. Il 2 dicembre le strade di Santiago de Compostela vengono attraversate da 200mila persone al grido di nunca mais: è la più grande manifestazione ambientalista mai realizzata in Spagna.

14 dicembre

– Legambiente convoca la giornata di mobilitazione “L’Italia non è in vendita” per contestare il provvedimento del ministro Tremonti che prevede la creazione della Patrimonio spa, una società creataper “alienare, gestire e valorizzare” il patrimonio dello Stato.

2003

gennaio

Calogero Sodano, sindaco di Agrigento, è condannato a un anno e mezzo di reclusione e al pagamento di 50.000 euro di danno morale da versare a Legambiente per aver favorito l’abusivismo a fini elettorali. È il riconoscimento della battaglia condotta da Peppe Arnone, della segreteria nazionale dell’associazione.

15 febbraio

– Tre milioni di persone invadono Roma per dire “no alla guerra” che gli Usa minacciano di dichiarare all’Iraq (e che prenderà il via il 20 marzo). La manifestazione si svolge contemporaneamente in 70 paesi del mondo, incalcolabile il numero dei partecipanti: è la più grande mobilitazione per la pace di tutti i tempi.

20 marzo

– Torna “Qualenergia”, testata storica durante il dibattito sul nucleare e punto di riferimento per la comunità scientifica. È la pubblicazione bimestrale scientifica di Legambiente dedicata a fonti rinnovabili, efficienza e innovazione tecnologica.

28 giugno

– Prima edizione di “Non scherzate col fuoco”: la campagna che Legambiente promuove, in collaborazione con la Protezione civile, per contrastare la piaga degli incendi boschivi.

2 ottobre

Il governo Berlusconi vara il terzo condono ediliziocon il Dl 269/2003 convertito in legge 326/2003. Il termine di scadenza delle domande sarà prorogato più volte fino a dicembre 2004.

13 novembre

A Scanzano Jonico (Mt) la popolazione si mobilita contro la decisione del governo di costruire nella frazione di Terzo Cavone il deposito unico delle scorie nucleari. Le forti proteste, con blocchi stradali, presidi e cortei ai quali partecipano decine di migliaia di persone, inducono l’esecutivo a rinunciare al progetto.

28 novembre

Si apre a Roma il VII congresso nazionale di Legambiente Ambientalisti per un nuovo umanesimo. Le persone, le comunità, i popoli protagonisti della globalizzazione. Viene eletto Roberto Della Seta presidente nazionale, che prende il posto di Ermete Realacci, e confermato Francesco Ferrante come direttore generale.

2004

22 gennaio
Con il decreto legislativo 42/2004 il governo vara il nuovo Codice dei beni culturali e del paesaggio, conosciuto come Codice Urbani.

28 marzo
Sotto l’alto patrocinio della presidenza della Repubblica si tiene Voler bene all’Italia, la festa della Piccola grande Italia. Per favorire lo sviluppo ed evitare lo spopolamento dei centri minori c’è anche una proposta di legge bipartisan, presentata da Ermete Realacci e Italo Bocchino, allora deputato di An.

7 giugno
– Legambiente promuove la società Azzero CO2  per supportare imprese, enti pubblici e cittadini nel calcolare, ridurre e compensare le emissioni di gas serra generate dalle proprie attività. A presiederla è chiamato Gianni Silvestrini.

20 luglio

Approvata la legge 189/2004 che vieta il maltrattamento degli animali e il loro impiego in combattimenti clandestini o competizioni non autorizzate, fra le attività che alimentano le ecomafie.

2005

16 febbraio

– Entra in vigore il protocollo di Kyoto, dopo che la Russia aveva ratificato a novembre l’accordo raggiungendo i due quorum necessari. Legambiente manifesta davanti all’ambasciata americana a Roma per protestare contro la mancata adesione degli Usa.

aprile

– Legambiente sottoscrive un protocollo d’intesa con Anev, l’associazione delle imprese del vento. Inizia una collaborazione per realizzare impianti eolici in maniera armoniosa con il paesaggio.

23 aprile

– Si insedia il terzo governo Berlusconi, Altero Matteoli viene confermato ministro dell’Ambiente.

12 maggio

– S’inagura l’Oasi dei Variconi a Castel Volturno, in una zona degradata e presidiata dalla camorra. È il primo risultato della campagna “SalvaItalia”.

19 maggio

– Legambiente ricorre al Tar per contrastare l’azione legale di Italia Nostra che mira a fermare i lavori della metro C di Roma.

7 luglio
– Debutta “Castelli di pace”, festival dedicato alla convivenza fra i popoli e alla cultura della sostenibilità. La I edizione si tiene in cinque castelli della Lunigiana, il logo è realizzato da Pablo Echaurren: illustratore e amico dell’associazione che ha disegnato molte copertine di Nuova Ecologia e il logo di Festambiente.

25 luglio

– Nasce la fondazione Symbola, presieduta da Ermete Realacci e creata per valorizzare le qualità italiane. Legambiente è tra i soci fondatori.

29 agosto

L’uragano Katrina si abbatte su New Orleans, negli Stati Uniti. Gli effetti sono disastrosi e anche un paese ricco e industrializzato scopre le conseguenze dei cambiamenti climatici. L’amministrazione Bush finisce sotto accusa per aver sottovalutato il fenomeno e cresce la consapevolezza dei rischi legati al global warming.

16 Novembre

La popolazione della Val di Susa, in Piemonte, si mobilita contro il progetto della Tav fra Torino e Lione. Migliaia di persone organizzano i blocchi del cantiere a Venaus, fronteggiando le forze dell’ordine. Anche Legambiente partecipa al grande corteo che attraversa pacificamente la città. Nella foto, Roberto Della Seta.

2006

24 gennaio
Al Sundance film festival di Park City, negli Usa, viene presentato An inconvenient truth: il documentario di Al Gore, diretto da Davis Guggenheim, sul riscaldamento globale. L’anno seguente il film otterrà il premio Oscar.

2 aprile
Sul lungomare di Bari, al termine di un lungo braccio di ferro con la proprietà, viene abbattuto l’ecomostro di Punta Perotti. Legambiente festeggia mostrando in diretta video sul web l’implosione.

9 aprile

– Francesco Ferrante, direttore generale di Legambiente, viene eletto senatore per il Pd.

14 aprile

È legge il Codice dell’ambiente (Dlgs 152/2006): Testo unico, messo a punto dal governo attraverso una legge delega, che allarga le maglie di numerose norme ambientali.

17 maggio

Si insedia il secondo governo Prodi, Alfonso Pecoraro Scanio diventa ministro dell’Ambiente.

31 maggio

Parte “Fiumi Informa”, la campagna di monitoraggio sull’illegalità e sullo stato di salute dei corsi d’acqua italiani organizzata da Legambiente e Corpo forestale dello Stato.

luglio

– L’Aci rende noto che in Italia le auto circolanti nel 2005 sono 37.200.000, una vettura ogni 1,7 abitanti: un record in Europa. Otto milioni non hanno neanche la marmitta catalitica.

11 luglio

– Debutta “Goletta dei laghi”, campagna itinerante per monitorare la qualità delle acque lacustri.

14 ottobre

Al Salone nautico di Genova, Legambiente e Ucina firmano un protocollo d’intesa per la nautica ecocompatibile.

31 ottobre

– Pubblicato in Gran Bretagna il Rapporto Stern che stima il costo del global warming fra il 5 e il 20% del prodotto lordo globale annuo.

21 dicembre

La Finanziaria2007 avvia un programma sperimentale per ridurre i sacchetti di plastica non biodegradabili e ne fissa al primo gennaio 2010 la messa al bando. Nel 2009 il decreto mille proroghe posticiperà il termine all’anno successivo.

2007

20 gennaio

Il ciclone extratropicale Kyrill imperversa nel Nord Europa provocando 46 vittime e ingenti danni materiali. Gli effetti più disastrosi del riscaldamento globale, affermano i climatologi, si evidenziano anche nel Vecchio Continente.

2 febbraio

L’Ipcc presenta a Parigi il IV rapporto sui cambiamenti climatici.

12 febbraio

– Il giudice del tribunale di Taranto, Martino Rosati, condanna in primo grado quattro dirigenti di Ilva e Agip per inquinamento atmosferico. La pena più dura, tre anni di reclusione, al proprietario dell’Ilva, Emilio Riva.

9 marzo

– I 27 paesi dell’Ue firmano un patto vincolante per ridurre le emissioni di gas serra del 20% entro il 2020. Nella stessa data il 20% dei consumi dovrà essere soddisfatto dall’energia rinnovabile e dovrà essere della stessa percentuale l’efficienza. È l’inizio della strategia europea del 20-20-20.

18 aprile

La Cameraapprova all’unanimità la legge sui piccoli comuni presentata da Ermete Realacci e dal deputato Italo Bocchino, di An.

maggio

Secondo la Netherlands environment assessment agency la Cina ha superato gli Usa nella produzione di gas serra con 6,2 miliardi tonnellate l’anno contro le 5,8 degli americani.

7 luglio

L’emergenza rifiuti in Campania precipita. Arrivano le dimissioni del commissario straordinario, Guido Bertolaso, in polemica con il ministro dell’Ambiente, Alfonso Pecoraro Scanio.

Al Gore organizza un evento musicale, il Live Earth, in sette città del mondo per sensibilizzare i giovani sul riscaldamento globale.

10 settembre

– La “Coalizione Italia Europa liberi da ogm”, composta da 28 organizzazioni di produttori, consumatori e ambientalisti, presenta 3 milioni di firme contro gli ogm. È una risposta ai tentativi dell’Ue d’introdurli nelle coltivazioni agricole.

13 ottobre

Al Gore viene insignito del Nobel per la pace grazie al suo impegno contro i cambiamenti climatici. Insieme a lui viene premiato l’Ipcc, il panel dell’Onu sui cambiamenti climatici presieduto da Rajendra Pachauri. La Nuova Ecologia aveva intervistato Gore a gennaio.

27 settembre

A Parigi si apre il Grenelle de l’environnement: un confronto convocato dal neoeletto presidente francese, Nicolas Sarkozy, che coinvolge ambientalisti, categorie produttive, enti locali e ministeri per mettere a punto le politiche ambientali del paese.

20 novembre

Prima edizione diPendolaria”, la nuova campagna di Legambiente per un trasporto ferroviario locale più diffuso e moderno.

7 dicembre

A Roma, l’VIII Congresso nazionale di Legambiente: Un nuovo ambientalismo per un altro progresso. Fermare i cambiamenti climatici umanizzare l’economia e lo sviluppo socializzare la conoscenza valorizzare e mettere in rete le identità territoriali. Eletti Vittorio Cogliati Dezza presidente e Rossella Muroni direttrice generale (nella foto).

15 dicembre

– Una nuova manifestazione attraversa il centro di Vicenza per contrastare l’ampliamento della base Usa. Al fianco del movimento No Dal Molin numerosi comitati da tutto il paese e una rappresentanza di Legambiente. Tre giorni dopo la giunta regionale dà il via libera all’opera.

2008

2 gennaio

Milano vara l’Ecopass: è la prima città italiana ad adottare il ticket d’ingresso per il centro.

19 gennaio

Migliaia di persone in piazza a Napoli con Legambiente, sotto lo slogan “Voler bene alla Campania”, per dire no alla cronica emergenza rifiuti e sì alla raccolta differenziata.

7 marzo

Esce nelle sale italiane “Biùtiful cauntri”, un documentario che denuncia il fenomeno dello smaltimento illecito dei rifiuti in Campania. Fra gli autori Peppe Ruggiero, storico esponente di Legambiente.

11 marzo

La Cinaannuncia la creazione del suo primo ministero dell’Ambiente.

13 aprile

– Roberto Della Seta, presidente fino a pochi mesi prima di Legambiente, viene eletto senatore nelle fila del Pd.

La Nuova Ecologiasostiene la campagna per l’acqua di rubinetto lanciata insieme al mensile Altreconomia

8 maggio

Si insedia il quarto governo Berlusconi, Stefania Prestigiacomo diventa ministro dell’Ambiente.

Annunci